Arte Urbana Lugano (AUL) ha lo scopo di mettere in relazione il pubblico con lo spazio urbano, attraverso la promozione della creazione artistica emergente.

Nata nel 2010, AUL non solo permette ai giovani artisti di esprimersi attraverso le più svariate forme d’arte tra cui installazioni, fotografie, murales, e molto altro ancora, ma dà anche gli spunti al pubblico per riflettere sull’ambiente in cui vive.

Infatti, tutti gli eventi proposti da Arte Urbana Lugano hanno un legame con lo spazio urbano ed una volontà di interrogare in qualche modo la città, i suoi spazi, i suoi abitanti e le sue dinamiche.

Nuove installazioni

Street art USI-SUPSI: libertà di creare, dal 2 ottobre 2017

Un’immensa tela d’arte di 160 metri di lunghezza, unica nel suo genere in Ticino, alla quale una decina di artisti svizzeri hanno dato vita con affreschi e pitture. Questa opera di street art è stata commissionata da USI e SUPSI allo scopo di presentare alla cittadinanza le aree scientifiche che saranno ospitate nel nuovo campus universitario che sorgerà a Lugano-Viganello, sui terreni dell’area ex-Campari, nelle immediate vicinanze dell’attuale campus dell’Università della Svizzera italiana. Il nuovo campus sarà inaugurato nell’autunno 2020 e ospiterà la Facoltà di scienze informatiche e la nuova Facoltà di scienze biomediche dell’USI, il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI e l'Istituto Dalle Molle di Studi sull'Intelligenza Arti­ciale (IDSIA), affiliato ad entrambe le istituzioni.

Le opere sono state realizzate direttamente sulle recinzioni di cantiere: una riflessione collettiva sull’avvenire scientifico del nostro Cantone, che al contempo promuove la creatività e offre occasione di visibilità a giovani artisti.

Gli artisti, che con le proprie opere hanno interpretato liberamente i temi proposti da USI e SUPSI, provengono da tutta la Svizzera: Meyk & Sibz di Losanna, Rips1 di Lucerna, Daniel Zeltner e Raphael Roth di Basilea, Pollo 7 di Aarau, le sorelle Chiara e Sofia Frei di Cevio, Big Tato di Cadenazzo, Mr. Plustik di Bellinzona, Han Sessions e Yumi Ferretti di Lugano.

L’opera fa parte del progetto Arte Urbana Lugano (AUL) ed è stata realizzata con la coordinazione dell’associazione Urbanova (Bellinzona) e DifART studio (Losanna).


WELCOME – Un abbraccio contro il razzismo, Tunnel pedonale di Besso, dal 1 agosto 2017

“Welcome” è un’istallazione fotografica urbana per sensibilizzare sul tema del razzismo e la discriminazione. L’opera raccoglie circa un centinaio di ritratti in grande formato di persone di ogni provenienza, poste una di fianco all’altra come se si stessero virtualmente abbracciando. Una serie di ritratti che rivestono la volta del sottopassaggio di Besso, per lanciare un nuovo sguardo su Lugano e dare il benvenuto a residenti e passeggeri.

“Welcome” segue la linea del progetto Inside Out: the People’s Art Project, una piattaforma ideata dallo street artist di fama mondiale JR che fornisce un concetto di azione artistica partecipativa globale e dal basso, il cui principio è di usare il pasting di foto ritratti in spazi pubblici per sensibilizzare su tematiche di interesse locale o universale, e unire così le forze per creare un movimento verso il cambiamento positivo.

Un progetto dell’Associazione REC in collaborazione con SOSTicino e Arte Urbana Lugano (Divisione Eventi e Congressi).

Con il sostegno di Amnesty International Gruppo Ticino, Cardis, Città di Lugano, COMUNDO, Divisione prevenzione e sostegno, Fondazione Diritti Umani, Inter-Agire, Servizio per l’integrazione stranieri (Repubblica e Cantone Ticino), Servizio per la lotta al razzismo (Confederazione Svizzera).

Per visionare l’installazione online visitare:

www.insideoutproject.net
www.t-rec.ch

Gallery

Send this to a friend