Il furto di Socrate

Gruppo Teatro Argonauti

Quando e Dove

Prezzo

Intero: CHF 20.-
AI,AVS,Studenti: CHF 15.-
Bambini fino ai 12 anni: CHF 7.-

Promotori

Teatro Argonauti, gruppo teatrale amatoriale
Via Linoleum 10 A
6512 Giubiasco
+41 (0)91 857 03 78
[email protected]
www.teatroargonauti.ch

Extra

Prenotazioni & prevendite

Sportello Foce
Via Foce 1
6900 Lugano
T. +41(0)58 866 48 00
[email protected]
Lu - Ve 08:00 - 19:00
Sa - Do 10:00 - 19:00

Dicastero Giovani ed Eventi
Via Trevano 55
6900 Lugano
T. +41(0)58 866 74 40
Lu - Ve 08:00 - 12:00 / 13:30 -17:30

Punto Città
Via della Posta 8
6900 Lugano
T. +41(0)58 866 60 02
Lu - Me - Ve 07:30 - 12:00 / 13:30 - 17:00
Ma - Gio 07:30 - 18:00

Links

Commedia Inverosimile scritta da Giovanni P. Bortone, diretta da Myriam Grandi Bortone.

Il “Socrate morente” è una copia dello scultore Markus Antokoloski (1843-1902) nato a Vilnius. Fu donata nel 1917 da un discendente della famiglia Maraini alla città di Lugano. La controversa figura di Socrate era l’attrazione turistica, il biglietto da visita del Parco Ciani.

Dopo mille vicissitudini, riservate alla statua, danneggiata, mutilata, divelta, fino a quando nel 1998 il Municipio ha risolto il problema rimuovendo la scultura dalla sua sede originale a causa dei vandalismi cui era costantemente sottoposta, per essere “restaurata”. Dov’è finito il filosofo? Dov’è Socrate, l’ironico sapiente che nulla sapeva?

Un’esilarante commedia, sapientemente intessuta che propone, in modo originale, nuovo, i temi dei valori morali, e dei problemi della convivenza pacifica tra uomini liberi e uguali. Una messa in scena teatrale,di un certo tipo di democrazia di oggi, con personaggi di ieri, una “teatrocrazia”. Il geniale accorgimento di considerare le deviazioni dalla realtà come, se fosse la realtà stessa.

È il principio su cui poggia tutto il calcolo differenziale, quello che sta alla base delle nostre scherzose trovate, dove in molti casi tutto crollerebbe se trattassimo tali deviazioni con rigore filosofico, e la dialettica del pensiero moderno, inverosimile, e stravagante dei valori socio-politici e culturali dell’era contemporanea.