Andy Wildi "Il silenzio delle cose"

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Comune di Agno
Piazza Colonnello Vicari 1
6982 Agno
+41 (0)91 612 23 23
[email protected]
www.agno.ch

Extra

Il Museo è visitabile il giovedì e la domenica o su appuntamento: tel. 091 604 62 65/612 23 23.

Andy Wildi, che vive e lavora a Novaggio ma è di origine svizzero tedesca, finora ha avuto limitato spazio nel panorama artistico-espositivo ticinese nonostante la nostra regione funga da musa d’inesauribile ispirazione per il suo lavoro. E tuttavia la scenografia dei suoi quadri, da cui la figura umana è pressoché assente ma intuibile tra le maglie di un’architettura prospettica degli interni a sottolineare il senso di solitudine che pervade l’uomo moderno, è essenziale e silenziosa.

Come per tanti altri della sua generazione, anche per Andreas Wildi l’avvento della Pop ha rappresentato una straordinaria ventata di disarmante freschezza venuta a scompigliare i suoi primi passi nel mondo dell’arte. Da quel momento temi, soggetti e forme cari all’immaginario pop entrano a indirizzare anche la sua pittura, in maniera tanto prepotente da indurlo – tra il serio e il faceto – a cambiare il suo nome da Andreas in Andy, lo stesso identico di quell’altro il cui cognome iniziava pure per W.

Egli opera in perfetta aderenza al mondo inanimato degli oggetti, assemblando cartelloni pubblicitari con personaggi della storia o icone dello spettacolo, e poi ancora scatoloni, valige e valigette, macchine da cucire e cavallini a dondolo.
La pittura di Andy Wildi andrà comunque poi attingendo alla nuda verità delle cose, privilegiando uno sguardo quasi oggettivo su angoli e situazioni apparentemente insignificanti in cui saranno sempre più gli oggetti o gli spazi nella loro inanimata ed enigmatica presenza e vacuità a porsi come entità mute davanti all’osservatore e, in definitiva, a interrogarlo.