Memoria e parola d'esilio

Intorno al volume La bicicletta rossa di Manuela Balanzin

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Istituto di Studi Italiani (USI)
Via Lambertenghi 10A
6900 Lugano
+41 (0)58 666 48 26
[email protected]
www.isi.com.usi.ch

Extra

Interverranno Lucia Bellaspiga, Eddo Rigotti, Carlo Ossola, Manuela Balanzin

L’Istituto di Studi Italiani, per la XIV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, Scrivere la nuova Europa: editoria italiana, autori e lettori nell’era digitale, invita all’incontro dal titolo Memoria e parole d'esilio.

Il romanzo - edito dalle Edizioni Ulivo di Balerna - narra la storia di Piero Balanzin, nonno istriano dell’autrice, e il progressivo doloroso disgiungersi delle solidarietà umane nel conflitto, sempre più acuto, tra fascisti, nazisti e partigiani slavi. Il testo si ispira a vicende realmente accadute in Istria (Risiera di san Sabba a Trieste) e in Baviera (Lager di Flossenbürg) tra il 1939 e il 1945, poggiando su ricerche storiche e preziose testimonianze.