Harraga - Vite in fuga

Storie di migrazione da Damasco a Stoccolma

Quando e Dove

Prezzo

Giornata intera CHF 40.- (ridotto* 30.-)
Proiezioni singole (pomerggio): CHF 10.- (ridotto* 7.-)
Proiezione serale + buffet: CHF 20.- (ridotto* 15.-)

* studenti, AVS/AI, <14 anni

Promotori

Movimento dei Senza Voce (MdSV)
6853 Ligornetto
[email protected]
movimentodeisenzavoce.org

Extra

Info e prenotazioni: [email protected]

Sabato 29 novembre è una giornata interamente dedicata al tema della migrazione e dell'accoglienza. Si compone della proiezione di tre documentari che trattano da diversi punti di vista l'esperienza migratoria, e di un dibattito, moderato dal giornalista RSI Emiliano Bos, che darà la parola a diversi attori della complessa rete di aiuto e sostegno ai migranti, che presenteranno le numerose iniziative dell'accoglienza di Milano e della Svizzera italiana.

"Bambini in fuga" racconta il viaggio del camper di "capitan Gioia" che sullo Joy bus segue dalla Sicilia alla Svezia le rotte dei bambini in fuga dalla guerra, verso il loro sogno di pace e libertà. Un film che mostra il lavoro di salvataggio di Nawal Soufi, attivista per i diritti umani a Catania (già premio Donna di Frontiera, filmfestival di Marzamemi) e il percorso delle famiglie e dei bambini, con qualche immagine girata a Novazzano questa estate.

“Lo stesso mare”, del regista ticinese Stefano Ferrari, racconta di un viaggio dal Ticino al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, in Sicilia, portando a galla due realtà, due stati d'animo: da una parte quello di un'Italia che accoglie pur essendo travolta da una crisi senza precedenti e dall'altra le storie di chi migra e vede nell'Europa la Terra promessa, una via di fuga da povertà e persecuzioni.

La giornata si concluderà con il film documentario - prima svizzera - “Io sto con la sposa”, film evento della stagione cinematografica italiana con un ingresso nel circuito delle sale con il "tutto esaurito". Presentato nella sezione Orizzonti - Fuori concorso alla 71ma Mostra del Cinema di Venezia si è aggiudicato tre dei premi collaterali, tra cui l'Human Rights Nights Award per il Cinema dei Diritti Umani.

Si tratta di un programma ambizioso che proprio come i film, sostenuti dal basso, da produttori indipendenti, è frutto dell'iniziativa del gruppo Harraga e dell'associazione Movimento dei senza voce. 

Locandina