Addio Lugano Bella. Anarchia tra storia e arte

Disegno e dinamite - Le riviste illustrate fra satira e denuncia

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Pro Helvetia - Fondazione svizzera per la cultura
Hirschengraben 22
8001 Zurigo
+41 (0)44 267 71 71
[email protected]
www.prohelvetia.ch
Museo d'arte Mendrisio
Piazzetta dei Serviti 1
6850 Mendrisio
+41 (0)58 688 33 50
[email protected]
museo.mendrisio.ch

Extra

Orari:

Mercoledì 9.00–13.00
Giovedì 15.30–18.30 21.00–23.00
Venerdì 15.30–18.30
Sabato e domenica 10.30–18.30

Ingresso libero

Chiuso lunedì, martedì, Pasqua, 1 Maggio

Aperto Lunedì dell’Angelo 6 aprile 10.30–18.30 

Da Manet a Vallotton, da Kupka a Pissarro, da Steinlen a Grosz. Le opere presenti raccontano la storia del movimento anarchico attraverso le pagine delle riviste satiriche e militanti che fra Otto e Novecento hanno dato voce alle accuse degli artisti più impegnati della loro epoca.

In un viaggio che tocca tutta Europa, Francia e Italia, Germania, Spagna e Inghilterra, la mostra presenta esemplari di testate celebri accanto a molti disegni originali, firmati dagli autori prima di essere affidarti alle stampe. Fra i titolo noti: "Les Temps Nouveaux", piccolo e prezioso come un breviario anarcoide e "L'Assiette au Beurre" con le sue pagine colorate, esempio straordinario di grafica moderna. "La Sciarpa Nera", "La Rivolta", "L'Asino" o "La perla nera" sono alcuni dei titoli italiani più famosi, per i quali lavorarono maestri come Galantara, Scalarini o Carlo Carrà. La tedesca "Der Wahre Jacob" e l'inglese "Freedom" completano un panorama animato dal sentimento condiviso di accusa verso le ingiustizie sociali, attaccate dal segno esplosivo di artisti armati con la matita fra i denti. 

Locandina