Il ritmo delle storie

Wor(l)ds Festival - LongLake

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Divisione Eventi e Congressi
Via Trevano 55
6900 Lugano
+41 (0)58 866 48 00
[email protected]
www.luganoeventi.ch

Una serata speciale, che miscela il fascino della letteratura con quello della musica.

Il musicista Zeno Gabaglio accompagna Andrea Fazioli nella presentazione del suo nuovo romanzo “L’arte del fallimento” (Guanda). A seguire, insieme a Gabaglio e Fazioli, il critico musicale Franco Bergoglio offrirà al pubblico qualche chicca dal suo “Sassofoni e pistole” (Arcana edizioni), un’indagine sulle “relazioni pericolose” fra jazz e letteratura poliziesca…

Ore 20.30
“L’arte del fallimento” (Guanda): il romanzo di Andrea Fazioli con l’accompagnamento di Zeno Gabaglio. Un dialogo fra voce e musica, seguendo il filo di una storia misteriosa.

Ore 21.15
“Sassofoni e pistole” (Arcana edizioni):
il critico musicale Franco Bergoglio presenta il suo saggio sul jazz nei romanzi polizieschi. La “colonna sonora” è di Zeno Gabaglio.


“L’arte del fallimento” (Guanda)
Finalmente, dopo sei anni di attesa, un nuovo romanzo lungo con Elia Contini: «la conferma di un grande talento» (Marco Vichi). Le avventure straordinarie di un investigatore senza qualità, che si muove fra il sud della Svizzera e il nord dell’Italia. Sullo sfondo, un caso di dumping salariale, un pazzo omicida e una vicenda sentimentale fuori dall’ordinario. Mentre ci fa seguire le piste di un caso a ogni svolta più intricato, Fazioli indaga con delicatezza e umorismo una situazione esistenziale, quella del fallimento, che prima o poi tocca ognuno di noi. E insinua una domanda: non sarà che il vero fallimento è non fallire mai?

L'autore
Andrea Fazioli ha pubblicato i romanzi L’arte del fallimento (Guanda 2016, premio La Fenice Europa, premio Anfiteatro d’Argento), Il giudice e la rondine (Guanda 2014), Uno splendido inganno (Guanda 2013), La sparizione (Guanda 2010, premio La Fenice Europa), Come rapinare una banca svizzera (Guanda 2009), L’uomo senza casa (Guanda 2008, vincitore premio Stresa e premio selezione Comisso), Chi muore si rivede (Dadò 2005). I suoi libri sono tradotti in varie lingue. È fra gli autori della web-serie Notte noir (RSI/REC 2014). Nel 2015 ha scritto la pièce teatrale Teoria e pratica della rapina in banca. Si è laureato in letteratura italiana e francese a Zurigo con una tesi sul poeta Mario Luzi. Ha lavorato come giornalista radio-televisivo. Il suo blog: www.andreafazioli.ch/blog.

“Sassofoni e pistole” (Arcana edizioni)
Cosa unisce Andrea Camilleri, Raymond Chandler, Michael Connelly, James Ellroy, Giorgio Faletti, Patricia Highsmith, Stephen King, James Patterson, Georges Simenon, Carlo Lucarelli, Jean Claude Izzo, Cornell Woolrich, e molti, molti altri? Elementare, Watson: gli oltre trecento scrittori approfonditi in questo volume hanno introdotto del jazz nei loro romanzi noir. Ma cos’è che rende jazz e letteratura poliziesca così assonanti? “Sassofoni e pistole” racconta la storia della musica preferita dagli autori di thriller di ieri e di oggi: una raccolta di memorabilia un po’ folle, comprendente scrittori, artisti, libri e canzoni.

L’autore
Franco Bergoglio è un critico musicale esperto di jazz. Dopo una infinità di articoli per riviste di ogni genere, formato, periodicità e argomento, dopo aver scritto note di copertina, programmi di sala, locandine, presentazioni, recensioni, pamphlet, racconti e poesie, è approdato a due libri monografici: Jazz! Appunti e note del secolo breve (Costa & Nolan, 2008) e Magazzino Jazz (MobyDick, 2011). Gestisce un blog (www.magazzinojazz.it) e collabora con numerose riviste e siti. Suoi contributi sono comparsi nei volumi collettivi “La comunicazione politica” (2001), “Jazz e comunicazione” (2006), “Machiavelli teorico delle crisi” (2014). Nel 2015, coronando anni di ricerca e lavoro, ha dato alle stampe Sassofoni e pistole, il primo saggio in italiano sulle relazioni fra jazz e letteratura poliziesca.

Il musicista
Zeno Gabaglio si è diplomato al Conservatorio di Lugano e si è perfezionato in diversi altri contesti (Musikakademie Basel, Académie Tibor Varga, Scuola di Musica di Fiesole). Si è laureato in estetica a Firenze con una tesi su formatività e improvvisazione. Nella sua attività musicale, sempre violoncello alla mano, ha suonato in orchestre sinfoniche, in gruppi di glam-rock adolescenziale, ha realizzato musica per film, si è lasciato affascinare dalla musica etnica, ha improvvisato assieme a poeti e danzatori, ha suonato in teatro nei boschi e per strada. Il suo sito: www.zenogabaglio.com.