They Will Have To Kill Us First

Film Festival Diritti Umani Lugano

Quando e Dove

Prezzo

Biglietto singolo: CHF 12.- / CHF 9.- (Studenti, AVS, Lugano Card)
Entrata 5 proiezioni: CHF 45.- / CHF 35.- (Studenti, AVS, Lugano Card)
Abbonamento festival: CHF  150.- / CHF  90.- (Studenti, AVS, Lugano Card)

Promotori

Fondazione Diritti Umani Lugano
6900 Lugano
[email protected]
www.festivaldirittiumani.ch

Extra

Regia di  Johanna Schwartz

Documentario | UK | 2015 | 90'

Versione originale francese, inglese, songhai, sottotitoli in italiano


Nel 2012 i gruppi estremisti islamici invadono e prendono il controllo di una regione del Mali vasta quanto il Regno Unito e la Francia messi insieme. Viene istituita la legge della sharia e con essa sono vietate tutte le forme di musica: le stazioni radio distrutte, gli strumenti bruciati ed ogni musicista torturato, a volte anche ucciso. La musica, cuore pulsante della cultura maliana e imprescindibile forma di comunicazione, scompare dal giorno alla notte. Vere e proprie icone della musica nazionale passano dalla fama alla latitanza, all'esilio. Ma piuttosto che abbandonare i loro strumenti, alcuni musicisti intraprendono una battaglia, ancora oggi lontana dalla sua conclusione, per il loro patrimonio culturale e la loro identità.

Dibattito a seguire: 
Il Mali tra musica e resistenza

Intervengono:
Gianluca Verga, esperto musicale RSI, Responsabile settore Eventi, Musica e Spettacolo - Massimo Salvadori, area manager COOPI
Moderatore: Isabella Samà, Responsabile comunicazione COOPI

In collaborazione con COOPI Cooperazione Internazionale