J.J. Winckelmann (1717-1768) – I “Monumenti antichi inediti”.

Storia di un’opera illustrata

Quando e Dove

Prezzo

Biglietteria

Inoltre, a chi desidera vedere entrambe le esposizioni e fare quindi il bis - dalle splendide grafiche sul "bello ideale" di Winckelmann alle cover colorate del jazz e ai grammofoni di inizio '900 - viene proposto il biglietto cumulativo. 

Promotori

m.a.x. Museo
Via Dante Alighieri 6
6830 Chiasso
+41 (0)58 122 42 52
[email protected]
www.maxmuseo.ch

Extra

Orari:
martedì−domenica
10.00 − 12.00
14.00 − 18.00
lunedì chiuso

Informazioni :
+41 (0)76 56 33 477
[email protected] (Svizzera)
[email protected] (Insubria)
Maggiori informazioni 

In occasione del Giubileo per i trecento anni dalla nascita di Johann Joachim Winckelmann (1717–1768), la mostra rende omaggio, sotto l’egida della Winckelmann-Gesellschaft, a uno fra i più raffinati studiosi della cultura classica: personaggio di grande fascino e padre della disciplina della storia dell’arte.

L’esposizione ruota attorno all’ultima pubblicazione di Winckelmann, “Monumenti antichi inediti”, attraverso le editio princeps e il relativo manoscritto preparatorio, preziose matrici in rame, prove di stampa, incisioni, affiancati da ritratti, un quadro ad olio e tre splendidi reperti archeologici.

Finora poco indagato, “Monumenti antichi inediti” costituisce un’opera caposaldo: per la prima volta in maniera così significativa, infatti, l’autore inserisce nel testo ben 208 immagini dei “Monumenti” che descrive, in una visione assolutamente innovativa che combina, appunto, descrizioni e raffigurazioni.
Nasce così un vero e proprio modello di “raccolta” per la storia dell’arte, che conoscerà grande fortuna fra i successori.

L’esposizione è promossa in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove sarà presentata dal 24 giugno al 25 settembre 2017 nel prestigioso “Salone della Meridiana” e gode del patrocinio del Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale.

Mostra a cura di: Stefano Ferrari e Nicoletta Ossanna Cavadini