Quale spazio per la cultura religiosa nella scuola?

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Osservatore Democratico
cp 414
6900 Massagno
[email protected]
www.osservatoredemocratico.ch

Extra

Disponibili ampi posteggi con entrata da via dei Sindacatori.

Possibilità di cenare in compagnia dei relatori presso il Grotto Valletta al prezzo di CHF 50.-  tutto compreso.
Iscrizione obbligatoria:
 [email protected] o un SMS allo +41(0) 79 375 82 45.

Maggiori informazioni:
Claudio Giambonini Tel:+41(0) 79 678 38 52
Luca Jegen +41(0) 79 315 34 34
membri del Comitato dell'Osservatore Democratico.

Quale cultura religiosa hanno i giovani che frequentano le scuole dell'obbligo e le scuole superiori in Ticino? La Chiesa cattolica e quella Evangelica sono iscritte nella nostra Costituzione cantonale: ma è giusto che le ore d'insegnamento della religione siano inserite nella griglia oraria? E come fa un insegnante d'italiano a far comprendere e apprezzare la Divina Commedia o i Promessi sposi, se molti suoi allievi non hanno un minimo di preparazione culturale religiosa? Sono queste alcune delle domande che è lecito porsi, quando si voglia discutere di un tema tanto delicato.
 

Invito

Interverranno durante la serata:
 Don Rolando Leo (direttore dell'Ufficio per l'istruzione religiosa scolastica della Diocesi di Lugano, assistente della Pastorale Giovanile, collaboratore parrocchiale a Bellinzona e docente di religione).
Giuseppe La Torre (pastore valdese in servizio presso la Chiesa Riformata del Sottoceneri, presidente del Forum per il dialogo interreligioso e interculturale, docente di storia delle religioni nei licei).
Giorgio Fonio (sindacalista OCST, deputato in Gran Consiglio e presidente della Commissione scolastica e della Commissione petizioni e ricorsi).

Immagine:Jhon Wiley