Lettura manzoniana

«Quel ramo del lago di Como...». Lettura dei Promessi Sposi

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Istituto di Studi Italiani (USI)
Via Lambertenghi 10A
6900 Lugano
+41 (0)58 666 48 26
[email protected]
www.isi.com.usi.ch

Extra

Informazioni:
[email protected]
+41 (0)58 666 48 26

Maggiori informazioni

Dove e Quando

USI - Auditorio
Via Buffi 13
6900 Lugano
Vedi sulla mappa

27.09.2017

dalle 18:00 alle 19:30

04.10.2017

dalle 18:00 alle 19:30

11.10.2017

dalle 18:00 alle 19:30

18.10.2017

dalle 18:00 alle 19:30

25.10.2017

dalle 18:00 alle 19:30

08.11.2017

dalle 18:00 alle 19:30

15.11.2017

dalle 18:00 alle 19:30

22.11.2017

dalle 18:00 alle 19:30

29.11.2017

dalle 18:00 alle 19:30

06.12.2017

dalle 18:00 alle 19:30

13.12.2017

dalle 18:00 alle 19:30

20.12.2017

dalle 18:00 alle 19:30

L'Istituto di studi italiani inaugura  un ciclo triennale dedicato a I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

Libro fortunatissimo ma poco amato, spesso banalizzato da pigre consuetudini di lettura, I promessi sposi sono, in realtà, un romanzo di straordinaria modernità, l'unico a porsi, nel primo Ottocento, all'altezza dei grandi capolavori della narrativa europea. Allo stesso tempo esso si propone, nelle intenzioni stesse dell'autore, come un testo "popolare", un «libro per tutti», e così avvenne: I promessi sposi, inclusi nei programmi scolastici a partire dal 1870, si affermarono come testo identitario per la nuova nazione.

Nell'abbozzo dei cosiddetti Materiali estetici Manzoni aveva dichiarato: «Ogni finzione che mostri l'uomo in riposo morale è dissimile dal vero». Ed è appunto un interno, incessante dinamismo ad animare questo romanzo "polifonico" (Ezio Raimondi), caratterizzato da continui cambi di registro e percorso da un'ironia instancabile: un'opera, insomma, che non indulge affatto ad una visione del mondo convenzionale e pacificata, ma tende sempre a smascherare le trappole della parola e dell'ideologia del potere. Pochi testi come I promessi sposi attribuiscono alla scrittura letteraria una responsabilità tanto alta: quella di costituirsi come universale strumento di conoscenza, in grado sia di sondare i più profondi misteri del cuore umano, sia di contemplare con lucido rigore le tribolate vicende del vivere associato.