L’importanza di chiamarsi Ernesto

Quando e Dove

Prezzo

Categoria prezzo intero:
CHF 40.-
CHF 35.- 
CHF 10.-

Categoria prezzo ridotto:
CHF 35.-
CHF 30.-
CHF 8.-

Biglietti

Promotori

Centro Culturale Chiasso
Via Dante Alighieri 3b
6830 Chiasso
[email protected]
www.centroculturalechiasso.ch

Questa commedia frivola per gente seria, col suo titolo che sfida i traduttori – che ci hanno provato con Ernesto, Franco, Onesto, Probo senza mai risultare convincenti – è l’esempio più bello di come Wilde, attraverso l’uso di un’ironia caustica e brillante, sveli la falsa coscienza di una società che mette il denaro e una rigidissima divisione in classi al centro della propria morale.
Il rovesciamento paradossale del senso è l’espediente più usato dall’autore che ci appare così, a una prima lettura, come un precursore del teatro dell’assurdo, mentre in realtà è impegnato a smontare con sorridente ferocia i luoghi comuni su cui si fonda ogni solida società borghese.

La compagnia del Teatro dell'Eflo fù fondata nel 1972 da un gruppo di attori, tra cui Gabriele Salvatores, che ancora oggi costituiscono l'anima artistica della cooperativa: Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani, registi della maggior parte delle produzioni della compagnia, Corinna Agustoni, Cristina Crippa, Ida Marinelli, Luca Toracca, e una giovane socia, Elena Russo Arman.

Di Oscar Wilde
Con Ida Marinelli, Elena Russo Arman, Luca Toracca, Nicola Stravalaci, Giuseppe Lanino, Riccardo Buffonini, Cinzia Spanò, Camilla Violante Scheller
Luci Nando Frigerio
Suono Giuseppe Marzoli
Regia, scene, costumi Ferdinando Bruni, Francesco Frongia
Produzione Teatro dell’Elfo