Blob e tra noi (le amebe di grandi dimensioni del nostro pianeta)

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Società Micologica Luganese
Via Cortivallo 30
6900 Lugano
+41 (0)76 615 98 90
[email protected]
www.smluganese.ch

Relatore Franco Bersan

Con le ultime tecniche di analisi molecolare tutte le amebe vengono considerate precursori dei funghi. Molto lontane dai protozoi e molto vicine ai lieviti del genere Candida. Molte specie hanno evoluto un’organizzazione assimilativa plasmodiale, ovvero, un unico citoplasma con tanti nuclei al suo interno. Queste ultime amebe non hanno limiti di crescita se non la quantità di cibo disponibile e di conseguenza, possono raggiungere dimensioni dell'ordine delle centinaia di metri quadrati di superficie e dei chilogrammi di peso. Ma le specie più attraenti esteticamente, sono legate a fonti alimentari particolari e localizzate, come le macchie di neve in fusione o i substrati ricchi di sali o, ancora, ricchi di colonie batteriche attive. Queste amebe plasmodiali vengono riunite tassonomicamente nella classe Myxomycetes e di queste parleremo. Seguirà una carrellata di immagini al computer.

Franco Bersan è nato a Trieste nel 1953. Nella primavera del 1981 entra a far parte del Comitato Scientifico del Gruppo Micologico Bresadola di Trento. Nel 1986 viene assunto all'erbario Crittogamico del Dipartimento di Biologia dell'Università di Trieste in cui terrà corsi di botanica sistematica e di riconoscimento della flora commestibile e dei funghi. Dal 1997 al 2008, nell'ambito della convenzione tra Regione Friuli e Venezia Giulia, ha svolto sia i corsi per il permesso di raccolta che per la vendita al dettaglio di funghi selvatici che i corsi di aggiornamento per ispettori micologi delle aziende sanitarie. Dal 2001 al 2008 ha tenuto un corso chiamato Museologia scientifica (progettazione e creazione di mostre museali “chiavi in mano"). Negli stessi anni e fino al 2015 ha seguito, come correlatore o come consulente esterno, alcune tesi di laurea e di dottorato in varie università italiane. Dal 2015 è pensionato ma continua a collaborare con diversi progetti che riguardano funghi filamentosi in ambiente forestale.

Immagine: società micologica luganese.