Diplomazia | EVENTO RINVIATO

LuganoInScena

Prezzo

Promotori

LuganoInScena
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
+41 (0)58 866 42 22
[email protected]
www.luganoinscena.ch

Extra

Prevendita online

Informazioni e prevendite:
Biglietteria LAC
+41 (0)58 866 42 22

Ma - Do: 10:00 – 18:00 (telefoni attivi dalle 12:00)
Lunedì chiuso
Nei giorni con spettacoli serali in programma la chiusura del centro culturale è prevista mezz’ora dopo la fine della rappresentazione

Dove e Quando

LAC - Sala Teatro
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
Vedi sulla mappa

10.03.2020

dalle 20:30

11.03.2020

dalle 20:30

Libertà, destino e responsabilità individuali: sono questi i temi indagati da Diplomazia; temi che rivelano tutta la loro attualità grazie alla qualità della scrittura e alla potenza interpretativa dei due attori che ne sono i protagonisti: Elio De Capitani e Ferdinando Bruni.

Il teatro dell’Elfo, a cui il LAC dedica un omaggio,  è compagnia attenta alla nuova drammaturgia. La scelta di mettere in scena Diplomazia, nella traduzione di Monica Capuani, ne è la conferma; testo del francese Cyril Gery,  Diplomazia sarà al LAC in anteprima assoluta.

Diplomatie debuttò al parigino Théâtre de la Madeleine nel 2011 , e successivamente divenne un film pluripremiato diretto da Volker Schlöndorff. Ispirato ad un fatto realmente accaduto, di Diplomazia sono protagonisti il generale Dietrich von Choltitz, governatore di Parigi durante l’occupazione nazista, e il console svedese Raoul Nordling, che nella notte tra il 24 e il 25 agosto del 1944 si fronteggiano in uno scontro verbale senza esclusione di colpi. Il generale ha ricevuto da Hitler l’ordine di radere al suolo la città e di sterminare i suoi abitanti prima del ritiro  delle truppe tedesche;  il console ricorrerà a  tutta la sua capacità dialettica per convincerlo a disobbedire. Una pièce che sembra essere scritta ad hoc per due interpreti come Elio De Capitani e Ferdinando Bruni – nei panni del generale il primo, in quelli del console il secondo -  che tornano a ‘sfidarsi’ sul palcoscenico, dopo il confronto/scontro che li aveva visti protagonisti sia di Frost/Nixon che de Il Vizio dell’arte.

La scrittura di Gely tratteggia due bellissimi personaggi offrendo ai registi De Capitani e Frongia,  materia viva per un nuovo affondo nella storia.

Di: Cyril Gely
Traduzione: Monica Capuani
Uno spettacolo di: Elio De Capitani e Francesco Frongiacon
Con: Ferdinando Bruni, Elio De Capitani e Michele Radice, Alessandro Savarese, Simon Waldvogel

Immagine: Laila Pozzo