H2-Hebron

FIT Festival

Prezzo

Intero: CHF 25.-
Ridotto: CHF 20.- (Fino ai 20 anni / Partner FIT / Tessera FIT / Ticino Ticket)
Fino ai 14 anni: CHF 12.-

Promotori

FIT Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea
6900 Lugano
+41 (0)91 225 67 61
[email protected]
www.fitfestival.ch

Extra

Prevendita Online

Informazioni:
Ufficio Festival
Viale Cassarate 4, 6900 Lugano
10.00 – 12.00 / 14.00 – 18.00
T. +41 (0)91 225 67 61
[email protected]

Prenotazioni e prevendita:
Biglietteria LAC
Piazza Bernardino Luini 6, 6900 Lugano
T. +41 (0)58 866 42 22

Dove e Quando

LAC - Teatrostudio
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
Vedi sulla mappa

04.10.2019

dalle 20:30

WINTER FAMILY
Teatro-performance | Durata 1h10
In inglese sovratitolato in italiano

H2 è l’area amministrata da Israele nella città palestinese di Hebron. Shuhada Street è la strada centrale di H2 Zone. Era l’arteria principale e il mercato della città di Hebron, 200.000 abitanti, la città più popolata della West Bank in Palestina.
Shuhada Street è ora “sterilizzata” secondo la terminologia dell’esercito israeliano, vale a dire, svuotata dei suoi abitanti palestinesi per “motivi di sicurezza” a causa della sistemazione all’ombra della Tomba dei Patriarchi di alcune famiglie ebraiche radicali protette dall’esercito israeliano. Oggi è una strada fantasma dove destini e narrazioni si intersecano, giustappongono, osservano e si scontrano in un microcosmo drammatico e assurdo,
Tutto è iniziato alcuni anni fa quando Ruth (la regista) ricontattò la sua amica d’infanzia israeliana S., che nel frattempo aveva sposato un leader estremista ultra-sionista. Oggi vivono con i loro undici figli a Tel Romeida, cittadella protetta giorno e notte da 40 giovani soldati e insediamento più radicato nella città di Hebron. Ruth è rimasta più volte in questa casa per registrare lunghe conversazioni con S., suo marito e i suoi figli. Approfittando di queste visite, Ruth e Xavier hanno attraversato il cortile e i checkpoint per registrare le testimonianze dei loro vicini palestinesi che subiscono l’occupazione quotidiana israeliana, alcuni leader politici palestinesi residenti a Hebron, osservatori internazionali, “turisti di guerra” e le loro guide, accademici, giornalisti. Ognuno di loro ha descritto, spiegato e mostrato la sua Shuhada Street.
Ruth è da sola sul palco in uno stretto rapporto con il pubblico. Tutte le testimonianze sono raccontate da Ruth, lei è la nostra guida e la città stessa, posseduta dalle sue quattro voci: palestinesi, coloni, soldati, attivisti internazionali.

Immagine fornita dal promotore