Convergenze | Silva Cavalli Felci

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

La cornice spazio espositivo
Via A. Giacometti 1
6900 Lugano
+41 (0)91 923 15 83
[email protected]
www.lacornice.ch

Extra

Orari di apertura:
lunedi - venerdi dalle 8.00 - 12.00 e dalle 14.00 - 18.30
sabato dalle 9.00 alle 12.00.

Dove e Quando

La cornice spazio espositivo
Via A. Giacometti 1
6900 Lugano
Vedi sulla mappa

17.10.2019 - 30.11.2019

Tutto il giorno

Saranno esposte una trentina di opere fra collage, tecniche miste e acrilici su carta, legno e metallo. 

Testo critico di Vincenzo Guarracino:
Un ferita, uno squarcio, una lacerazione.  O feritoia e finestra, apertura dell’opera o sull’opera, sul mistero, su uno spazio insondato dell’Essere, oltre i lucreziani flammantia moenia mundi, le barriere fiammeggianti dell’apparire. In attesa di una fuoruscita: di qualcosa, Organico o semplice Segnale che sia. In ogni caso, camerottica sull’infinito, a volerla chiamare con le parole di Leopardi di un passo dei Ricordi d’infanzia e di adolescenza: spiraglio cioè di una condizione intellettuale e psicologica e di un inatteso sguardo sul mondo, sulle cose da un qui o da un oltre di indefinibile e misteriosa distanza e consistenza: tagli di luce, rivelazioni, agite da un pneuma, da un respiro, che è una Grazia pentecostale, un’esigenza di rifondazione, che prescinde da intenti e dichiarazioni.
Il mondo di Silva Cavalli Felci, almeno stando a queste opere, è così: si presenta come un gesto proteso da/verso l’ignoto, come una scoperta essenziale e una richiesta di spazio, tra tensione reale e immaginaria, sulle soglie di un dentro-fuori di interrogativa e necessaria improntitudine, a partire da un elemento architetturale forte, proteso verso sintesi imprevedibili.

Silva Cavalli Felci nasce nel 1935  a Bellinzona in Svizzera. Dopo le scuole superiori trascorre un biennio a Londra e frequenta alla St.Martin School of Art il corso di disegno e stage design.Nel 1969 conclude gli studi presso l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo. Accanto al percorso artistico, dal 1997 conduce laboratori di attività espressive, attenti all’indagine e alla voce del disagio. Vive e lavora a Bergamo e a Manerba del Garda.

Immagine fornita dal promotore.