Le cinque rose di Jennifer | EVENTO ANNULLATO

Rassegna HOME

Prezzo

Intero:
CHF 20.-
CHF 15.- Lugano Card, Lugano Card City e carta studente IoStudio

Ridotto AVS e AI:
CHF 15.-
CHF 10.- Lugano Card, Lugano Card City e carta studente IoStudio

Giovani < 26:
CHF 10.-
CHF 7.- Lugano Card e Lugano Card City e carta studente IoStudio

Promotori

Dicastero Cultura, Sport ed Eventi - Divisione eventi e congressi
Via Trevano 55
6900 Lugano
+41 (0)58 866 48 00
[email protected]
www.luganoeventi.ch

Extra

Prevendita:
Sportello Foce
Via Foce 1, 6900 Lugano
+41 (0)58 866 48 00
[email protected]

Prevendita online

Dove e Quando

Teatro Foce
Via Foce 1
6900 Lugano
Vedi sulla mappa

18.04.2020

dalle 20:30

19.04.2020

dalle 18:00

Età: dai 13 anni
Durata: 1h10

Jennifer, personaggio simbolo dell’autore campano, è un travestito che vive in un quartiere ghetto, tormentato dalla società omologante, rappresentata da un invisibile assassino di travestiti. Il tempo del quotidiano è intervallato dal succedersi di telefonate inaspettate in cui Jennifer usa la sua proverbiale ironia per svicolarsi da conversazioni non desiderate. Come nello stile di Ruccello, telefono e radio sono sempre protagonisti, elementi della modernità che permettono al mondo esterno di entrare ferocemente nell’intimità delle vite dei suoi personaggi.  Addirittura la radio, così tanto importante per Jennifer, con la regia di Orlandini prende corpo umano, appare in scena e vive, entrando fisicamente come personaggio nel quotidiano di una Jennifer spaventata e sola. Ma anche Jennifer s'innamora e aspetta la telefonata di un Franco che le ha promesso un inesistente e utopico matrimonio, accompagnata nei sogni vaghi, dalle musiche di Patti Pravo, Mina, Milva e Orietta Berti. La musica è, infatti, elemento imprescindibile per comprendere l’opera giacché è parte integrante della drammaturgia.

La scelta registica di ingaggiare 4 attori per i due personaggi previsti dall’opera rappresenta l’interpretazione di una condizione di emarginazione umana replicabile e comune che coinvolge inesorabilmente tutti ma che sempre più la società tenta falsamente di attribuire solo ai cosiddetti “diversi”. Non più, quindi, una Jennifer sola, ma un coro di solitudini che si incarna sulla scena. L’opera di Ruccello fu rappresentata con successo nel 1980 e ne sono seguite altre rivisitazioni fino al 1985.

AGORA TEATRO
Di: Annibale Ruccello
Regia: Claudio Orlandini
Con: Olimpia De Girolamo, Salvatore Incandela, Chantal Masserey, Marzio Paioni
Luci: Alessandro Bigatti
Audio: Andrea Raffo
Foto: Valentina Mazza