Der Besuch der alten Dame

Rassegna "Swiss made"

Prezzo

Primi posti: CHF 44.-  
Secondi posti: CHF 37.-    
Terzi posti: CHF 30.-    
Quarti posti: CHF 23.-

Promotori

Teatro Sociale di Bellinzona
Piazza Governo 11
6500 Bellinzona
+41 (0)91 820 24 44
[email protected]
www.teatrosociale.ch

Extra

Spettacolo in lingua tedesca
Alle ore 20.00: introduzione allo spettacolo (in tedesco)

Prevendite online su: ticketcorner.ch
Maggiori informazioni su: theaterkantonzuerich.ch

Dove e Quando

Teatro Sociale
Piazza Governo 11
6500 Bellinzona
Vedi sulla mappa

12.02.2020

dalle 20:45

Güllen, una “cittadina contemporanea” caduta in miseria ai margini del mondo globalizzato, riceve visita dal proprio passato.
L'anziana Claire Zachanassian, scacciata da Güllen in giovane età con l’ingiusta accusa di immoralità, grazie a un matrimonio ben escogitato con un magnate del petrolio è assurta a una ricchezza inestimabile. Ora, dopo aver acquistato mezza cittadina, la ricca signora torna al paese con un’offerta ben precisa: un miliardo in cambio della morte del negoziante Alfred III. È la sua vendetta contro il suo amore giovanile che l’ha abbandonata perché incinta. Gli abitanti sulle prime si indignano per l’immoralità della proposta, ma la prospettiva del benessere e il desiderio di soddisfare il bisogno urgente di denaro li mettono ben presto in crisi.

Il regista svizzero Elias Perrig (Amburgo, 1965) mette in scena con la compagnia del Theater Kanton Zürich in coproduzione con il Theater Winterthur questo classico che, dopo il primo allestimento a Zurigo nel 1956, ha portato fama mondiale al suo autore, il drammaturgo, scrittore e pittore svizzero Friedrich Dürrenmatt (1921-90) e che risulta ancora raffinato ed attuale.

Di: Friedrich Dürrenmatt
Con: Katharina von Bock, Julian M. Boine, Michael von Burg, Daniel Hajdu, Manuel Herwig, Stefan Lahr, Pit Arne Pietz e Miriam Wagner
Regia: Elias Perrig
Scenografia: Beate Fassnacht
Costumi: Charlotte Willi
Musiche: Biber Gullatz
Produzione: Theater Kanton Zürich in coproduzione con Theater Winterthur, 2019

Immagine: pixabay.com