Ettore Modigliani e Fernanda Wittgens a Brera / EVENTO ANNULLATO

Ciclo "Corpo (e Anima)"

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Liceo cantonale di Bellinzona
Via F. Chiesa 2
6500 Bellinzona
+41 (0)91 814 00 10
www.liceobellinzona.ti.ch

Dare il corpo e l'anima per la difesa del patrimonio artistico.

La vita movimentata di Ettore Modigliani (1873-1947), intensa e a tratti autenticamente avventurosa, è stata spesa interamente al servizio del patrimonio artistico italiano. Direttore della Pinacoteca di Brera dal 1908 al 1935,  Sovrintendente alle Gallerie, ai Musei Medievali e Moderni e agli Oggetti d'arte di Milano dal 1910 al 1935, Sovrintendente ai Monumenti della Lombardia dal 1925 al 1935 e organizzatore della mostra più importante mai realizzata sull’arte antica italiana (che si tenne a Londra nel 1930), Ettore Modigliani ha avuto il privilegio (ma anche il peso) di attraversare tutta la prima parte del Novecento vivendo esaltanti momenti professionali, come l’esposizione a Brera della “Gioconda” di Leonardo da Vinci (1913), il recupero delle opere d’arte trafugate dall’Austria all’Italia (1920) e il grande riordino della Pinacoteca braidense (1925). Dopo diverse vicissitudini legate alla seconda guerra mondiale, Modigliani venne reintegrato nel suo incarico a Brera nel 1945, e inizio' ad operare per ricostruire la Pinacoteca e i molti monumenti di Milano distrutti dalla guerra. Modigliani morì nel 1947e non ebbe il tempo di portare a compimento il suo sogno: sarà Fernarda Wittgens (1903-1957), la sua più fedele, stretta e attivissima collaboratrice, a far riaprire nel 1950, Brera, più bella e più viva di prima.

La conferenza sarà tenuta da Marco Carminati, storico, giornalista e critico d'arte, dal 2008 membro del consiglio d'amministrazione dell'Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi.

Marco Carminati, nel 2007 ha vinto la prima edi­zione del Premio Viareggio per il Giornalismo (2007), per l'articolo nel quale si annunciava il ritrovamento a Milano dell'atto di battesimo di Caravaggio. Nel 2011 ha vinto il Premio Pasquale Rotondi (sezione comunicazione) conferito a chi si è distinto nella difesa e nella promozione del patrimonio artistico nazio­nale. Dal 1999 collabora attivamente alle iniziative didattiche del Fai, Fondo per l’ambiente Italiano. 

 

 

Immagine fornita dal promotore.