Avevo un bel pallone rosso | streaming

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
+41 (0)58 866 42 22
www.luganolac.ch

Nel 50° anniversario del 1968 torna in scena, in un nuovo allestimento prodotto da LuganoInScena, "Avevo un bel pallone rosso", indagine sulla figura di Margherita Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse.

“Avevo un bel pallone rosso e blu, ch’era la gioia e la delizia mia. S’è rotto il filo e m’è scappato via, in alto, in alto, su sempre più su. Son fortunati in cielo i bimbi buoni, volan tutti lassù quei bei palloni”: così scriveva la piccola Margherita nei suoi quaderni d'infanzia. Una filastrocca che è quasi un’inquietante allegoria di quello che sarà il destino della sua vita. Questa bambina sarà da tutti conosciuta con il nome di battaglia “Mara”.
Attraverso i dialoghi tra Margherita e suo padre, si racconta la vicenda di una ragazza cattolica nata in una città di montagna, poi diventata una delle fondatrici delle Brigate Rosse. Soprattutto, si delinea il rapporto concreto e drammatico tra un padre e una figlia, segnato da un affetto profondo, nel quale tuttavia la storia e le scelte personali scaveranno un solco terribile. 

Carmelo Rifici, dopo 7 anni dal suo debutto, torna a questo bellissimo testo dove tutto, dai dialoghi ai silenzi, conduce lo spettatore nelle atmosfere degli anni di piombo, attraverso un’indagine emozionante dei  rapporti familiari. Nello struggente conflitto tra Margherita e suo padre, il pubblico ritrova la stessa aria fredda e vibrante che si respirava durante la burrascosa epoca che dal ‘68 portò alla stagione del terrorismo.

Maggiori informazioni

Di: Angela Demattè
Regia: Carmelo Rifici
Con: Andrea Castelli e Francesca Porrini
Scene e costumi: Paolo Di Benedetto
Musiche: Zeno Gabaglio

Immagine fornita dal promotore