La bottega del caffè

Carlo Goldoni / Igor Horvat

Quando e Dove

Prezzo

da CHF 20.- a CHF 49.-

Promotori

LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
+41 (0)58 866 42 22
www.luganolac.ch

Extra

Prevendita Online - 9 novembre
Prevendita Online - 10 novembre

Al centro di una piazzetta veneziana si trova quella bottega del caffè che diventa il perfetto punto di osservazione degli intrecci, degli affari e delle truffe che in quella stessa piazza si tramano, si ingarbugliano ed escono allo scoperto.

Goldoni dipinge un sagace spaccato di una borghesia dedita al mercanteggiare, in cui le vicende di quartiere diventano - per estensione - di paese, cittadine o di una società intera. Vi vengono messe a nudo alcune incontrollabili dinamiche proprie di un certo lato oscuro dell’animo umano: smania di denaro, vizio del gioco, gusto della maldicenza, brama di conquista. Torbide e profonde alchimie in cui si annidano quei piccoli grandi demoni che ci spingono a comportamenti e situazioni che riescono a portarci al parossismo, alla farsa, al renderci amaramente ridicoli. Il meccanismo teatrale è perfetto e i toni della commedia sono vorticosi, come lo è la spirale in cui i protagonisti si sono incastrati. Per spezzarla è necessario che qualcuno - o qualcosa - si infili nei suoi ingranaggi e li inceppi. Ma una volta scardinate le dinamiche degenerate, resta da chiedersi di che natura sarà l’equilibrio che andrà ristabilito…

Igor Horvat, attore dalla lunga e solida esperienza, si misura con una prova registica importante mettendo in scena una tra le più celebri commedie goldoniane. Emanuele Aldrovandi, autore fecondo il cui lavoro è già stato riconosciuto da numerosi premi nonostante la giovane età, firma un adattamento drammaturgico che mantiene il meccanismo e il ritmo comico goldoniano pur avvicinandone il linguaggio ai giorni nostri e che, nel rendere compatto il ventaglio dei personaggi, offre nuovi equilibri interpretativi al cast di attori di cui fanno parte i ticinesi Antonio Ballerio, Anahì Traversi e Massimiliano Zampetti. 

Immagine fornita dal promotore