11° edizione di OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio torna OtherMovie Lugano Film Festival: una settimana all’insegna di cinema, musica, danza, arte, incontri e dibattiti. Ne parliamo con Drago Stevanovic, fondatore e direttore artistico di OtherMovie.
19 Maggio 2022
di Silvia Onorato
Salva nei preferiti
Salvato

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

OtherMovie sin dal 2012 porta a Lugano film svizzeri e internazionali che trattano temi di attualità. Una manifestazione che promuove la conoscenza dell’arte cinematografica e crea uno spazio di incontro tra pubblico, professionisti del settore, ospiti internazionali, e i veri protagonisti delle storie raccontate su pellicola. Il tema scelto per l’11° edizione è simboli, culture e società: un tema che da un lato permette di richiamare diversi simboli immediatamente riconoscibili, dall’altro stimola interrogativi sulla natura e sull’efficacia del linguaggio simbolico. Scopriamo il programma delle 7 giornate insieme a Drago Stevanovic, fondatore e direttore artistico di OtherMovie.

Il tema scelto per l’11° edizione di OtherMovie è simboli, culture e società. Perché è stato scelto?
Come ogni anno, la direzione artistica ha individuato un tema interessante e attuale che possa ispirare i partecipanti ai nostri cinque concorsi per realizzare le proprie opere. Simboli, culture e società è un tema ampio che permette di raccontare la vita famigliare, i modi di vivere, le religioni, le consuetudini attraverso le diverse culture e società. Inoltre, i simboli sono da sempre parte del linguaggio cinematografico; questa occasione permette di riflettere sulla loro evoluzione, sulla loro efficacia nella comunicazione attuale. Un tema che sicuramente creerà dibattito. 

Tanti i film internazionali in programma. I simboli sono un linguaggio immediato, che supera differenze linguistiche e culturali?
I simboli sono un linguaggio universale e facilmente riconoscibile. Penso a Louis Armstrong, icona della musica americana di cui parleremo il giorno di apertura del festival con il documentario “Little Satchmo” di John Alexander, prima svizzera (25.05, Lux Art House Massagno). L’ospite di eccellenza di questa serata sarà il vincitore di un Emmy Award e compositore della colona sonora del film, Eddie Korvin. Penso all’amore, indagato nel documentario “Love Around the World” di Andela e Davor Rosthuhar (26.05, Lux Art House Massagno): interviste a 30 coppie di tutto il mondo, accompagnate da bellissime immagini di Davor Rosthuhar, fotografo di National Geographic.
L’art du silence”, film svizzero di Maurizius Staerkle Drux (28.05, Lux Art House Massagno) racconta la vita del mimo francese Marcel Marceau, icona che ha ispirato tanti, da Dimitri a Lindsay Kemp. Ricca di simboli sarà la serata speciale “Il cinema in moto” (29.05, Studio Foce Lugano), durante la quale una esposizione di moto d’epoca sarà seguita da due proiezioni: il documentario “L’aquila nel cuore” di Antonio Schmidt sulla storia della Moto Guzzi, e il documentario “Gotthard – One life one soul” di Kevin Merz sulla celebre rock band ticinese. 
La giornata di chiusura porterà come simbolo di emancipazione femminile la storia di Marisol, raccontata nel film “La Machetera” di Yanet Pavón Bernal (31.05, Studio Foce Lugano).

Gli incontri saranno un dialogo tra arti: non solo proiezioni di film, ma anche musica dal vivo, danza, una esposizione fotografica, una lectio magistralis e dibattiti con ospiti e pubblico.   
Sin dalla sua prima edizione OtherMovie Lugano Film Festival è aperto a tutte le espressioni artistiche e culturali. Già dal 18 maggio presso la Galleria Art… on paper di Paradiso sarà possibile visitare la mostra fotografica di Marijana Miladinovic Marà, dedicata al tema simboli, culture e società. Tre saranno le esibizioni di musica dal vivo: il Nolan Quinn Trio suonerà durante la serata di apertura dedicata a Louis Armstrong; il Ginger 4tet InLove suonerà durante la serata dedicata all’amore; infine, la serata di chiusura vedrà la partecipazione dell’eclettico Marco Lo Russo. Nel corso della sua carriera, ha ricevuto numerosi premi e illustri apprezzamenti da numerosi artisti come Ennio Morricone, Leo Brouwer, Nicola Piovani, Pupi Avati, Piera Degli Esposti, Lina Sastri e Giorgio Albertazzi… e altri. In serata di chiusura ci presentiamo con il dibattito “Emancipazione femminile e lotta contro la violenza sulle donne”che é tratto del film “La Machetera” . La serata dedicata al mimo Marcel Marceau sarà introdotta da una performance di danza di Anna Keller e popolare artista di strada Cesco come tributo al grande mimo. I simboli dell’amore saranno parte centrale della lectio magistralis di 5 minuti del critico d’arte Luca Venturi, intitolata “La schiuma di Afrodite: Ape, colomba, mela, mirtillo, rosa e i simboli dell’Amore”.

OtherMovie è anche un festival di concorsi, in cui partecipano registi svizzeri e stranieri con lungometraggi e cortometraggi.
Anche quest’anno è arrivato molto materiale per i diversi concorsi indetti da OtherMovie. Le giurie, composte da registi, docenti e giornalisti, hanno selezionato i finalisti i cui lavori verranno proiettati a Lugano. Il concorso più longevo, il Concorso internazionale di cortometraggi “(S)guardi da vicino”, vede come finalisti sette registi da Iran, Paesi Bassi, Serbia, Uzbekistan e Italia; tre invece sono i finalisti per il Concorso nazionale di cortometraggi “Other Swiss Short”: Vanja Tognola, Celine Lochmeier, Annaka Minsch. Tutti i dieci cortometraggi verranno proiettati in una serata allo Studio Foce (30.05, Lugano). Per il Concorso internazionale di lungometraggi “L’Incontro” presenteremo “Cerchio della vita” di Milan Zulic, “L’estate in cui ho imparato a volare” di Radivoje Andrić, e “I sogni di lago salato” di Andrea Segre (27.05, CineStar Lugano). Le premiazioni per i vincitori miglior film e miglior regia delle diverse sezioni avranno luogo durante la serata conclusiva del festival.

Una parte di OtherMovie è espressamente dedicata agli studenti. Quali saranno gli appuntamenti per loro?
Abbiamo ideato diversi progetti destinati ad avvicinare all’arte cinematografica chi forse solitamente non la pratica. Il progetto “Queste/i siamo noi”, attivo da aprile, è un minicorso di fotografia partecipativa a cui partecipano gli studenti del CPT di Trevano, con l’obiettivo di raccontarsi con una foto. Durante i giorni del festival ci saranno due Masterclass dedicate agli studenti: la prima con il giovane regista ticinese Vanja Tognola, vincitore del premio Other Swiss Short nel 2021 e recentemente premiato al Küstendorf International Film and Music Festival di Emir Kusturica. Vanja Tognola presenterà agli studenti del CPT di Trevano due suoi film e racconterà agli studenti la sua formazione. La seconda, è un incontro con Gabriella Gallozzi, Liceo 1 masterclass con Gabriella Gallozzi, giornalista e ideatrice del premio BookCiak! Azione, nuovo formato di corti sperimentali di tre minuti ispirati a romanzi, poesie e graphic novels. 

OtherMovie Lugano Film Festival è dal 25 al 31 maggio a Lugano e nel Luganese.
Maggiori informazioni: othermovie.ch

Lascia un commento

Articoli più letti

2 Dicembre 2021
di Silvia Onorato