02 September 2019

Blues to Bop 2019: le emozioni della grande musica lasciano il segno a Lugano

L'edizione numero 31 del più antico festival blues svizzero ha richiamato numerosissimi appassionati e curiosi con un programma intenso che ha dato spazio all’energia della musica live ma anche a momenti d’incontro.

La trentunesima edizione di Blues to Bop si è congedata ieri sera con la tradizionale serata a Morcote, che ha chiuso nel migliore dei modi la ricca quattro giorni di grande musica blues. Un’edizione che ha celebrato la storia del genere ben 38 concerti gratuiti e con momenti d’approfondimento, chiudendo idealmente la stagione degli eventi estivi all’aperto.

Roberto Badaracco, Capo Dicastero Cultura sport ed eventi della Città di Lugano: “Blues to Bop è una delle espressioni più pure della Lugano gioiosa che vogliamo trasmettere attraverso gli eventi. La sua proverbiale atmosfera conviviale accomuna in un unico abbraccio persone della regione e visitatori, appassionati del genere e semplici curiosi, adulti, giovani e famiglie. Un ambiente festoso e coinvolgente che ci fa rivivere appieno il centro cittadino, dalle sue piazze al Parco Ciani.”

Soddisfazione espressa anche da Filippo Corbella, programmatore della Divisione eventi e congressi che insieme a Ed Bersier ha composto il programma: “Quello che rimane dopo quattro giornate molto intense è una forte emozione. Un’emozione trasmessaci dagli straordinari artisti ospiti di questa edizione che, ne sono certo, ci porteremo dentro a lungo. Mi sento anche di poter dire che i musicisti stessi non sono rimasti immuni dal fascino di Blues to Bop, del proprio pubblico e della città che lo ospita. Durante il loro soggiorno si è creato un bellissimo gruppo tra di loro; un’energia aggregativa che è cruciale per il blues e che durante le esibizioni è emersa in tutta la sua forza.”

Claudio Chiapparino, Direttore della Divisione eventi e congressi della Città: “Blues to Bop dimostra ancora una volta la sua vitalità, grazie a un programma di assoluto livello incentrato sull’incontro – e il confronto – generazionale. Vitalità che emerge anche a livello organizzativo, con il lavoro congiunto del team della Divisione e di chi è parte di Blues to Bop fin dai suoi inizi.”

Un’edizione che ha visto esibirsi a rotazione sui tre palchi del centro il meglio della nuova generazione blues americana con talenti come Leyla McCalla, Vanessa Collier, Jamiah Rogers, Jontavious Willis e Hubby Jenkins. Artisti che a dispetto della giovanissima età (26 anni di media) hanno sfoggiato un repertorio profondo che scandaglia tutta l’intensità e l’emozione della musica roots statunitense, curando e continuando la tradizione centenaria del blues.

Indelebile è stato anche il segno lasciato da artisti affermati come gli straordinari Birds of Chicago, le Como Mamas con il loro gospel viscerale, e due leggende viventi come Sleepy LaBeef e Dana Gillespie, protagonista quest’ultima della seguitissima matinée di domenica.

Significativa sotto tutti gli aspetti anche la presenza di artisti più vicini a casa nostra: Judith Emeline, cantante britannica da anni attiva in Ticino, che è stata anche quest’anno splendida voce e volto di Blues to Bop presentando sul palco, il bellinzonese Federico “Freddie” Albertoni con il dinamismo dei suoi Cannonballs, e Max & Veronica, milanesi, con il loro vastissimo repertorio di musica tradizionale americana.

Elemento centrale del programma di quest’anno è stata anche la parte di approfondimento, con cinque momenti d’incontro svoltisi nelle giornate di venerdì e sabato alla Darsena e negli adiacenti spazi del Parco Ciani. Appuntamenti che hanno permesso ai numerosi presenti di approfondire l’arte degli artisti ospiti dell’edizione, fra musica e racconti.

La 32.a edizione di Blues to Bop è in programma dal 27 al 30 agosto 2020.

Partner e sponsor
La Divisione eventi e congressi del Dicastero cultura, sport ed eventi, organizzatrice della manifestazione, ringrazia tutti coloro che con il loro importante sostegno hanno contribuito alla riuscita di questa 31ma edizione: il main sponsor Taddei SA; lo sponsor Medacta International; i partner Lugano Region, il fondo cantonale Swisslos (Repubblica del Canton Ticino Decs), la Divisione sport della Città, AIL - Aziende industriali di Lugano, SOTELL e la Fondazione ing. Pasquale Lucchini; il technical partner EMME e il media-partner RSI Rete Uno, che ha trasmesso tutte le sere i concerti in diretta da Piazza della Riforma.

📁 PDF comunicato stampa
📁 Gallery fotografica