L'orizzonte dell'esistenza nella Triade Testoriana - Gianfranco Bonetti

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Centro Culturale e Museo Casa Cavalier Pellanda
Contrada Cavenue Pellanda 4
6710 Biasca
+41 (0)91 862 30 31

Extra

Orari di apertura:
mercoledì, sabato, domenica e festivi ore 14:00 - 18:00
venerdì ore 16:00 - 19:00

L'esposizione è dedicata al grande scrittore e critico d'arte Giovanni Testori, a vent'anni dalla scomparsa e a novanta dalla nascita. Per l'occasione esce una pubblicazione: "Giovanni Testori - La grande Triade: Giacometti - Bacon - Varlin" (Armando Dadò editore, Locarno). Il volume contiene un importante saggio di Stefano Crespi, critico d'arte e di letteratura, e tre scritti memorabili di Giovanni Testori: Alberto Giacometti: il dolore dell'uomo; Francis Bacon: gli assalti del destino; In visita a Varlin: la scommessa del quadro. 

Un centinaio di opere di Gianfranco Bonetti (Bergamo 1947 - 2007) sono state selezionate tra le circa 1600 conservate presso l'Archivio Bonetti di Bergamo, alcune delle quali provengono da raccolte pubbliche e private. Sono dipinti, carte e incisioni che l'artista ha realizzato durante vari decenni e ispirati, o dedicati, a tre grandi artisti figurativi del Novecento: Alberto Giacometti, Francis Bacon, Willy Guggenheim, in arte, "Varlin". 

Gianfranco Bonetti è sempre stato fedele all'arte figurativa, un antiastrattista per eccellenza, che guardava con ammirazione ai maestri antichi (la serie delle crocifissioni ispirate dal Grünewald ne sono un esempio), come pure a quelli moderni: Soutine, Varlin, Giacometti, Bacon ecc. Dunque un artista del tutto compreso entro le grandi passioni per l'arte di Testori, il quale dedicò alcuni dei suoi scritti anche all'opera di Bonetti, alla quale guardava con ammirazione.