Elina Duni Quartet (CH)

Festival di Cultura e Musica Jazz XVII edizione

Quando e Dove

Prezzo

Chiasso

CHF 30.- / € 26.-
CHF 25.- / € 22.- ridotti (Club Rete Due, studenti, AVS, AI)
CHF 10.- / € 8.- after 24

Tessera          
CHF 65.- / € 55.- 3 giorni
CHF 45.- / € 37.- 2 giorni

Promotori

Centro Culturale Chiasso
Via Dante Alighieri 3b
6830 Chiasso
[email protected]
www.centroculturalechiasso.ch

Extra

Jazz dinner
Durante le serate del festival sarà attivo un servizio ristorazione con le proposte culinarie a cura di Cronoparty.

Alberghi
Durante il Festival svariati alberghi offriranno i seguenti sconti (unicamente su presentazione del biglietto d’entrata al Festival): 10% una notte, 15% per la seconda e terza notte.

Sarà dedicata a Duke Ellington, uno dei più autorevoli musicisti del Novecento, Take the “C” train – Nel nome di Ellington”, la XVII edizione del Festival di Cultura e Musica Jazz di Chiasso.

Elina Duni:
voce
Colin Vallon: piano
Patrice Moret: contrabbasso
Norbert Pfammatter: batteria

Matanë Malit significa “oltre la montagna”, ed è il titolo dell’esordio di Elina Duni nel catalogo ECM. Un omaggio all’Albania di una cantante che nel 1991, a 10 anni, si è trasferita in Svizzera e che oggi si rivolge alle sue origini rileggendole alla luce delle sue diverse esperienze. Elina Duni è una stella nascente nel panorama jazz europeo che sa ipnotizzare per come interpreta antiche canzoni dei Balcani in chiave jazz, grazie alla vibrante intensità della sua voce, a un’invidiabile presenza scenica e alla maestria dei suoi musicisti. Dopo una serie di incursioni nella musica classica e nel blues e dopo un proficuo apprendistato con gli standard del jazz, l’incontro con il pianista Colin Vallon l’ha convinta a cantare in albanese facendole intraprendere un percorso di crescita artistica che negli ultimi anni l’ha portata ad affinare una poetica sonora modernissima e insieme ancestrale. Merito anche di un trio tutto svizzero decisamente affiatato e ben assortito, in perfetto equilibrio tra jazz d’alto bordo e sottili ammiccamenti a modi e sonorità della musica popolare balcanica. Canzoni che parlano di amanti, eroi, operai e pastori, di esilio e resistenza, in un seducente mosaico d’improvvisazione e lirismo che incanta ed emoziona.

Programma completo

Immagine: haymatlosmusic.blogspot.ch