Artphilein Collection on Display | Giulia Napoleone "Palmira-Cittadella"

Quando e Dove

Prezzo

Evento Gratuito

Promotori

Choisi - one at a time
Via Ferruccio Pelli 13
6900 Lugano
+41 (0)91 922 00 38
[email protected]
www.choisi.info

Extra

Orari d'apertura:
Martedi-venerdì dalle ore 10:00 alle ore 18:00
Sabato dalle ore 10:00 alle ore 16:00

Per l’ultima settimana di gennaio il Choisi - one at a time propone un momento di riflessione sulla memoria, con l'opera di Giulia Napoleone "Palmira-Cittadella" dalla collezione di Artphilein Foundation, accompagnata dalle fotografie di Claudia Wettstein dell'antica città siriana.

Il sito archeologico di Palmira è stato distrutto dai bombardamenti nel 2015 e le fotografie di Claudia Wettstein ne testimoniano la bellezza, che appartiene ormai soltanto alla memoria. L’accostamento di queste fotografie all’opera di Giulia Napoleone, consente una comprensione particolare della tecnica e della sensibilità dell’artista.

Giulia Napoleone è nata a Pescara nel 1936.
Frequentando l’Accademia di Belle Arti di Roma inizia a sperimentare le tecniche incisorie. Frequenta poi la Sala Studio della Calcografia Nazionale di Roma ed in seguito si specializza nell’incisione presso il Rijkmuseum di Amsterdam.
La carta si rivela il supporto preferito dall’artista per le sue opere ad inchiostro, acquerello, pastello e per le sue incisioni e calcografie.
Partecipa a due edizioni della Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma, nel 1997 l’Istituto Nazionale per la Grafica le dedica una mostra antologica e nel 2001 viene costitutito il Fondo Giulia Napoleone al Museo Villa del Cedri di Bellinzona.
Giulia è vissuta tra l’Italia e la Siria, dove ha insegnato pittura e grafica alla P.U.S.A. University di Aleppo. Espone regolarmente in Italia e all’estero. 

Claudia Wettstein è disegnatrice scientifica di archeologia. È socia fondatrice e membro del comitato direttivo dell’Associazione Archeologica Ticinese. Per molti anni ha partecipato alla missione archeologica diretta da Giorgio e Marilyn Buccellati, lavorando a Tell Mozan, sito dell’antica città di Urkesh, nel nord est della Siria.